Analisi di Bilancio: Procedimenti di rettifica dei bilanci di esercizio

Completato l’esame delle eventuali cause di inattendibilità dei valori di bilancio l’analista dovrebbe procedere operando opportune rettifiche allo scopo di disporre di dati attendibili e comparabili nel tempo e, se possibile, nello spazio.

Tale operazione può avvenire prima di procedere alla fase di riclassificazione dello Stato patrimoniale e del Conto economico oppure prima di calcolare gli indici evidenziando negli schemi riclassificati le poste di rettifica.

La correzione dei valori di bilancio viene effettuata solo se l’influenza sul risultato economico e sul capitale di finanziamento dell’attività assume un valore importante, altrimenti si consiglia di non procedere alle modifiche.

Esempi di voci di bilancio sottoposte a rettifiche o aggiustamenti sono:

a) Leasing (locazione finanziaria) se viene registrato con il metodo patrimoniale secondo i principi nazionali tale importo viene rilevato come una normale locazione (costo dei canoni secondo competenza) e non come una compravendita con finanziamento. Per apportare la giusta rettifica bisogna nell’attivo del bilancio inserire il valore del costo originario del bene e nel passivo il corrispondente debito per il valore capitale del bene e per il riscatto

b) Compensi per gli amministratori Nelle società a ristretta base sociale i compensi per gli amministratori potrebbero seguire delle modalità per influire sul risultato finale. Ad esempio, se è molto elevato si tende ad attribuire compensi piuttosto alti mentre se il valore del risultato è basso si tende a ridurli o addirittura a non riconoscerli. In sede di analisi bisogna attribuire un compenso proporzionato all’attività esercitata dagli stessi amministratori

c) Prestiti obbligazionari Nelle società a ristretta base sociale l’incremento dei mezzi propri può essere effettuato tramite il prestito obbligazionario. In questo caso il prestito va considerato come patrimonio netto e l’utile va aumentato dell’importo degli interessi

d) Ammortamento ridotto Il fisco dà la possibilità di calcolare le quote di ammortamento riducendo i coefficienti previsti dal D.M. 31/12/1998. Di fronte a questa situazione bisogna tener conto del diverso criterio che si è applicato

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna